Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Dani Alves condannato, l'avvocato: "Faremo appello, credo nella sua innocenza"

Dani Alves condannato, l'avvocato: "Faremo appello, credo nella sua innocenza"TUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
giovedì 22 febbraio 2024, 13:12Calcio estero
di Michele Pavese

Il verdetto tanto atteso è arrivato in mattinata: Dani Alves è stato condannato a quattro anni e mezzo di carcere per violenza sessuale su una giovane donna, episodio avvenuto alla fine del 2022 in una discoteca di Barcellona. Inoltre, l'ex giocatore di Barcellona, Juventus e Paris Saint-Germain è stato condannato a cinque anni di libertà vigilata (da scontarsi alla fine della pena detentiva), nove anni di divieto di avvicinarsi alla vittima e a versare 150.000 euro di risarcimento.

Inés Guardiola, l'avvocato di Alves, ha confermato che farà appello contro la sentenza: "Tutto quello che posso dire in questo momento è che faremo appello contro la sentenza e continuo a credere nell'innocenza del signor Alves. Lui sta bene. È evidente che quattro anni e mezzo di carcere siano meglio di nove o dodici anni ma devo ancora leggere tutta la sentenza. In ogni caso faremo appello".

Il giudice ha stabilito che, essendoci "un alto rischio di fuga", Alves continuerà a essere detenuto nel centro penitenziario Brians 2, in Catalogna. I 13 mesi già trascorsi in carcere dal suo arresto - avvenuto nel gennaio 2023 -, sono ovviamente considerati nella condanna. Alves quindi potrebbe uscire dal carcere a luglio del 2027. Ora toccherà a un tribunale di grado superiore esaminare il caso e stabilire se la sentenza deve essere confermata, o se il periodo di detenzione dovrà essere allungato o ridotto. I familiari della vittima hanno commentato: "Siamo soddisfatti perché è una sentenza che riconosce ciò che abbiamo sempre saputo: la verità della vittima e la sofferenza che ha subito. Sotto questo aspetto, dobbiamo ritenerci soddisfatti per lei e per tutti noi".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile