Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lukaku in debito con Mourinho… Allegri crocifisso a prescindere, Sarri già dimenticato

Lukaku in debito con Mourinho… Allegri crocifisso a prescindere, Sarri già dimenticatoTUTTO mercato WEB
mercoledì 30 agosto 2023, 06:00L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

Partiamo dal nome più chiacchierato del momento: Romelu Lukaku. La lunga telenovela che ha appassionato (o annoiato) il mondo intero è giunta al capitolo finale. Big Rom ha scelto la capitale, sponda giallorossa, per ritrovarsi e rilanciarsi. Tradita l’Inter, sognata la Juventus, alla fine è stato Mourinho a salvarlo dall’esilio, seppur dorato, in Arabia Saudita. Big Rom ritrova lo Special One per la terza volta in carriera. L’ha avuto, per un breve periodo, al Chelsea quando era giovanissimo. I due si sono poi ritrovati al Manchester United (estate 2017-dicembre 2018), ora ci riprovano alla Roma. Normale che la piazza giallorossa sia esaltata. Portare Lukaku a Roma non è tanto banale anche se, ad onor del vero, le costellazioni sono state favorevoli. Ora Big Rom è in debito con Mourinho. Dovrà ripagarlo in campo, a suon di grandi prestazioni e gol. Portare la Roma in Champions League deve essere il pensiero quotidiano del belga. Tutti gli occhi degli haters, in particolare nerazzurri, saranno su di lui. Al primo errore, sarà criticato duramente ma, se dovesse far bene, in tanti lo rimpiangerebbero.

Banale dirlo ma dipende solo da lui…
Si è parlato e si parlerà tanto di Lukaku, si sta esagerando con Allegri e Sarri. Il primo è, ormai, il bersaglio fisso di ogni una larga fetta di tifosi bianconeri. In tanti sembrano godere nel vedere la loro squadra del cuore in affanno (come con il Bologna) per dare addosso al tecnico bianconero, reo di ogni colpa. Non sa allenare, non sa far giocare la squadra, non sa scegliere la formazione giusta, non chiude la porta della Continassa quando esce… Allegri viene crocifisso dopo ogni partita, sia che faccia bene, sia che faccia male. Se la Juventus convince, il merito è dei giocatori o la colpa è degli avversari. Se la Juventus non convince, la colpa è solamente di Allegri, di nessun altro…
Situazione ancor più paradossale quella di Sarri. Osannato per il (meritato) secondo posto della passata stagione, l’attuale allenatore della Lazio è già indicato come il male oscuro della Lazio. Con lui al timone, Lazio destinata a naufragare. In tanti ne chiedono l’esonero immediato prima che faccia altri danni. Non sono mai stato un fan di Sarri ma dimenticarsi di quanto ha fatto in passato, in particolare lo scorso anno, mi sembra grave. Comunque sia, buon campionato a tutti. Mi mancavano polemiche, critiche e il Signor VAR… Diciamo che, come ogni stagione che si rispetti, non ci facciamo mancare niente. Nel nostro DNA ci sentiamo tutti grandissimi allenatori e, quindi, il nostro giudizio è sempre quello giusto, l’unico che vale. Sarà per questo che Mancini ha fatto le valigie? Battuta, sappiamo tutti perché è andato in Arabia Saudita, oppure no?

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile