Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

-1 a Monza-Pisa: in Serie B sale la febbre da finale playoff. Le aperture dei quotidiani

-1 a Monza-Pisa: in Serie B sale la febbre da finale playoff. Le aperture dei quotidianiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Jacopo Duranti/TuttoLegaPro.com
mercoledì 25 maggio 2022, 10:19Rassegna stampa
di Claudia Marrone

Poco più di 24 ore e la finalissima playoff prenderà il via: si parte con la gara di andata all' "U-Power Stadium", si finirà domenica con quella di ritorno all' "Arena Garibaldi". Monza e Pisa, dopo 15 anni, tornano a sfidarsi, ma stavolta con una posta in palio ancora più alta: in ballo c'è la promozione in Serie A.

Questa La Gazzetta dello Sport, "Da Gytkjaer a Lucca. Monza-Pisa show: festival dei bomber", che aggiunge: "La realizzazione del progetto Serie A passa attraverso questi 180 minuti (e magari oltre). Trovare il senso a questa fatica stagionale o perdersi nell’oblio di averlo mancato all’ultimo è una differenza ben sottile. E gli attacchi di Monza e Pisa, per evitare l’abisso della depressione sportiva, proveranno a prendersi questa responsabilità. Soprattutto i due numeri 9: Christian Gytkjaer per i brianzoli e Lorenzo Lucca per i toscani. I quali, per motivi diversi, si affacciano alla finale con spiriti differenti".

Il Corriere dello Sport va più sul generale. "Berlusconi spinge. Stroppa all’attacco", per quanto riguarda il versante Monza, sul quale prosegue: "Una settimana speciale per continuare a sentirsi il presidente più vittorioso in una squadra di club. Non ingrasserebbe l’albo d’oro, il trionfo in un playoff di serie B, ma farebbe senz’altro la storia del Monza. Una società pronta ai tre giorni decisivi per andare in serie A come non gli è mai capitato finora. Silvio Berlusconi lunedì ha festeggiato con il Milan, tornando per qualche ora a un recente passato glorioso. Ieri mattina, invece, ha fatto visita a un Monza seguito sempre più da vicino dopo averlo acquistato quattro anni fa".
Sponda Pisa: "Pisa, operazione Brianza: la strategia di D’Angelo". Nel dettaglio: "Sono i numeri che incoraggiano i nerazzurri alla vigilia della prima finale di Monza: in campionato le 12 reti segnate nel primo quarto d’ora hanno fruttato dieci vittorie e due pareggi. Un dato statistico che indica con quale spirito D’Angelo imposterà la partita. Per i nerazzurri è la sesta finale su dieci partecipazioni, la prima in serie B con un precedente di buon auspicio: tre partecipazioni al gol per Benali: 2 reti (col Pescara nel 2016 nella finale d’andata col Trapani) e un assist nel 4-2 della semifinale di ritorno contro il Novara".

Su questa falsariga Tuttosport. "Berlusconi carica il Monza: «Difficile, ma ho fiducia in voi»". «Abbiamo fiducia in voi, ci tenevo a farvi i complimenti per il cammino fatto fin qui», le parole di Silvio Berlusconi per caricare il suo Monza in vista del doppio spareggio promozione. «Contro il Pisa sarà difficile, ma abbiamo fiducia in voi». Così il presidentissimo ha voluto far sentire il proprio appoggio carismatico alla squadra. Dopo aver festeggiato lunedì, in piazza Duomo, lo scudetto del Milan, il proprietario del club della Brianza ieri ha visitato Monzello per caricare i suoi giocatori in vista della doppia sfida al Pisa. Il presidente si è presentato al centro sportivo di via Ragazzi del ’99 poco prima di pranzo, ha seguito le ultime battute dell’allenamento e si è intrattenuto qualche istante con la squadra, per dispensare i consigli tecnici e tattici che sono un classico del suo repertorio e riscaldare le motivazioni dei ragazzi", la chiosa.
Sui toscani: "Pisa dopo 31 anni scalpita e sogna". Sulla questione: "Una città che sogna il ritorno nel grande calcio dopo 31 anni e si stringe attorno a una squadra che per una stagione intera l'ha fatta innamorare. Pisa ha esultato il minimo sindacale per il successo con il Benevento in semifinale. Tutti quanti, infatti, all'ombra della Torre Pendente, sono consapevoli che il quadro disegnato con cura da Luca D'Angelo nel giro di quattro anni non è ancora stato completato. Manca l'ultimo passo e il destino vuole che il Pisa incroci il Monza".

Primo piano
TMW Radio Sport