Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Dalla Palma sul CorSport: "Molti avevano fatto la pelle a Inzaghi, nessuno l'ha abbandonato"

Dalla Palma sul CorSport: "Molti avevano fatto la pelle a Inzaghi, nessuno l'ha abbandonato"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 5 ottobre 2022, 08:23Rassegna stampa
di Luca Chiarini

La vittoria sul Barça "ha un peso enorme per l'Inter", sottolinea dalle colonne del Corriere dello Sport Alberto Dalla Palma: "Soprattutto per Simone Inzaghi - scrive il giornalista -, a cui avevano fatto la pelle quasi tutti ormai da molti giorni. Abituato a esultare come e forse più di uno dei suoi giocatori, ieri Simone era talmente teso (e forse anche furibondo) che ha rinunciato alla consueta corsa verso Calhanoglu dopo il gol e poi si è contenuto anche al fischio finale di una delle partite più delicate della sua carriera". La gara di ieri ha dimostrato che "nessuno ha abbandonato il tecnico piacentino, tutti sono saliti sulla stessa barca e adesso remano forte verso una meta ancora lontana". Si riparte dunque da una vittoria di enorme prestigio: "Simone non dovrà disperdere il patrimonio accumulato in una notte che può cambiare un anno intero se investito bene: decida se puntare ancora su Onana consegnando ad Handanovic il ruolo di capitano non giocatore, insista ancora su Dimarco alla Perisic perché dopo l’esplosione in Nazionale l’esterno sembra davvero aver cambiato rendimento e atteggiamento e, infine, recuperi Lukaku, assenza fino ad oggi sottovalutata oltre ogni misura. Nulla è perduto. Nemmeno la panchina".