Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter-Udinese 4-0, le pagelle: Calhanoglu migliore in campo, Samardzic delude

Inter-Udinese 4-0, le pagelle: Calhanoglu migliore in campo, Samardzic deludeTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 10 dicembre 2023, 06:20Serie A
di Ivan Cardia

INTER-UDINESE 4-0
(37' Çalhanoğlu, 41' Dimarco, 44' Thuram, 84' Lautaro)

Le pagelle dell'Inter - A cura di Ivan Cardia

Sommer 6 - Popcorn, bibite, patatine. Le prova tutte per tenersi sveglio. Finisce che s'addormenta sul tiretto di Lovric e Lucca lo punisce: era in fuorigioco, la rete non resterà in archivio. Il decimo clean sheet in campionato sì.

Bisseck 6,5 - All'esordio da titolare in Serie A ha una missione: convincere una volta per tutte Inzaghi che nelle rotazioni ci può stare eccome, anche a costo di esagerare nelle giocate. Meglio in fase di spinta che difensiva, ma comunque promosso.

Acerbi 6,5 - Il brutto cliente ce l'ha il giovane Lucca: si era appena sbloccato, non la vede praticamente mai. 112 palloni toccati: serata da regista aggiunto.

Bastoni 6,5 - Recuperato, va subito in campo e non si risparmia: solito apporto in manovra, non tira indietro la gamba quando serve. (Dal 56' Carlos Augusto 6 - Entra per onore di firma, ché la gara è finita da un bel pezzo).

Darmian 6,5 - Resta solo una domanda: ma gli straordinari glieli pagano, vero?

Barella 6,5 - Tocchi, lazzi e sollazzi. Aiuta in manovra, prova a rendersi protagonista ma questa sera si accende meno di altri.

Calhanoglu 7,5 - Dal dischetto si conferma una sentenza, dieci rigori trasformati su dieci tirati da quando è all'Inter. Il 2-0 nasce da una sua invenzione: esce per premura. (Dal 70' Asllani 6 - Vedasi Carlos Augusto: quasi impossibile giudicare i subentrati questa sera).

Mkhitaryan 7 - Il tocco sotto per Thuram vale almeno metà del gol siglato dal francese, che a sua volta è la parola The End sulla partita, scritta già a fine primo tempo. (Dal 79' Sensi s.v.-)

Dimarco 7,5 - Schiaccia piede sull'acceleratore dal primo minuto: è suo il cross che Lautaro stampa sul palo. Suo anche quello che porta al rigore, suo il diagonale che consente all'Inter il raddoppio immediato e gela l'Udinese ben oltre la rigida temperatura milanese. Insomma, tanta roba. (Dal 70' Cuadrado 6 - È forse l'unico punto interrogativo di questa Inter. Venticinque minuti, comunque, ce li ha).

Thuram 6,5 - Per una sera, in una partita comunque positiva anche a livello personale, lascia lo show agli altri. Si divora un gol di testa, uno dei fondamentali su cui può migliorare. Si riscatta buttando dentro il pallone del 3-0, che chiude il discorso. (Dal 56' Arnautovic 6 - Tredici tocchi di palla: corteggia il senza voto. Dovrebbe sfruttare meglio l'occasione, ma se la gara è in ghiaccio non è colpa sua).

Lautaro 7 - È un rigorino, ma a conquistarlo ci pensa lui. Il 4-0 è voluto a tutti i costi, perché sa l'importanza di questa vittoria e perché il gol, complice il palo colpito a inizio gara, gli era rimasto in gola. E perché, non ultimo, aggancia Milito e Vieri nell'anno solare.

Simone Inzaghi 7 - L'Udinese, diciamolo chiaramente, non è sembrata tantissima roba. La teme come se fosse una big e schiera la miglior squadra a sua disposizione: è un segnale ai suoi, che nel duello con la Juventus non devono mollare mai. La risposta psicologica era importante ed è arrivata.

Le pagelle dell'Udinese - A cura di Marco Pieracci

Silvestri 5,5 - Trova nel legno della sua porta, illudendosi. Calhanoglu lo spiazza, Dimarco lo fulmina, Thuram deve solo appoggiarla. Timbra anche Lautaro. Gli arrivano da tutte le parti.

Ferreira 4,5 - Da braccetto destro deve alzare l'asticella contro un avversario decisamente proibitivo: da quella parte si aprono delle voragini, viene spazzato via dalla mareggiata nerazzurra. Spende pure un giallo che gli costerà la squalifica.

Kabasele 5 - Prova a non far rimpiangere l'assenza pesante di Bijol, ma si capisce subito che sarà dura: Lautaro gli scappa sbattendo sul palo. Si immola sul bolide da fuori area di Calhanoglu, poi si arrende all'evidenza dei fatti.

Perez 4,5 - Inizio incoraggiante, si fa notare per un paio di chiusure tempestive ma pure per la mano galeotta che costa il rigore. Da quel momento va completamente in tilt, non si riprende più. Potrebbe segnare di testa, ma non è proprio serata.

Ebosele 5 - Partita di sofferenza per contenere le avanzate di un Dimarco in versione assaltatore, precipitoso nelle scelte da prendere in quelle rare occasioni in cui deve ribaltare l'azione. Esce ammaccato. Dal 62' Kristensen 5,5 - Interpretazione scolastica del ruolo, non va oltre l'ordinario.

Samardzic 5,5 - Atteso al varco dopo il dietrofront estivo, è in modalità luci di Natale: si accende a intermittenza. L'unico vero lampo quando mette in moto Pereyra, poi più nulla. San Siro non dimentica: fuori tra sonori fischi. Dal 62' Lovric 6 - Scivolato indietro nelle gerarchie, cerca di vivacizzare la manovra col suo ingresso.

Walace 5 - Tempi biblici per liberarsi del pallone, emblematica l'azione del raddoppio. Dovrebbe offuscare la regia illuminata di Calhanoglu, fallisce miseramente la missione finendo con le spalle al muro.

Payero 5 - Comincia con personalità affrontando senza timore i primi duelli in mezzo al campo. Di fronte alle difficoltà però si scioglie. Riemerge per concludere in porta, sale quando l'Inter abbassa l'intensità. Chiude male: si addormenta regalando il poker a Lautaro. Dall'86' Zarraga sv

Zemura 5,5 - Dà il suo onesto contributo alla fase difensiva facendo valere le doti sul piano della corsa. Attento sui tagli di Darmian, nel complesso riesce a limitarlo abbastanza risultando tra i meno peggio. Dall'86' Ehizibue sv

Pereyra 5 - Fa da pendolo per cucire gioco alle spalle della punta, ma non si fa trovare preparato quando viene azionato da Samardzic. Pasticcia con Walace sul 2-0, Calhanoglu gli va via su una ruota.

Lucca 5,5 - Carico a pallettoni dopo la prima doppietta in Serie A, l'entusiasmo si spegne velocemente. Serata da spettatore non pagante alla Scala del Calcio. Attenuanti? Di palle giocabili neanche l'ombra. Sfrutta la respinta corta di Sommer, ma è in fuorigioco. Dal 75' Thauvin 5,5 - Entra quando la festa interista è già finita e gli amici se ne vanno.

Gabriele Cioffi 5 - In questo stadio gli è già riuscito il colpaccio contro Pioli, usa gli stessi ingredienti ma la capolista è ben altra cosa rispetto al Milan subalterno di questa stagione e in soli otto minuti gli cucina una cena indigesta.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile