Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

La Premier come la Serie A: si decide all'ultima. A Pioli basta il pari, Gerrard sulla strada di Pep

La Premier come la Serie A: si decide all'ultima. A Pioli basta il pari, Gerrard sulla strada di PepTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Imago/Image Sport
martedì 17 maggio 2022, 23:21Serie A
di Ivan Cardia

Serie A e Premier League. Così lontane a livello economico, così vicine nell'andamento dei campionati. Dei Big Five, Italia e Inghilterra sono i Paesi in cui l'esito del titolo nazionale è ancora in bilico, appeso ai risultati dell'ultima giornata. Non così in Spagna, dove il Real Madrid ha vinto la Liga con ampio margine; in Francia, il PSG ha già fatto sua la Ligue e lo stesso dicasi per il Bayern Monaco in Bundesliga, già conclusa ma comunque non decisa all'ultimo giro.

Al Milan basta l'ics, il City contro Gerrard. E invece, appunto, Serie A e Premier League. In Italia, il Milan di Pioli conduce con due lunghezze di vantaggio sull'Inter: basterà il pareggio, visto il vantaggio negli scontri diretti. Ancora più aperto l'esito del massimo campionato inglese: il Manchester City ha appena un punto di vantaggio sul Liverpool. In caso di arrivo a pari punti, peraltro, a decidere sarebbe la differenza reti, oggi a vantaggio (+72 contro +66) della formazione di Guardiola. Che si giocherà le sue carte contro un avversario molto particolare: l'Aston Villa di Steven Gerrard. Calciatore, capitano, icona del Liverpool dal 1987 al 2018, giovanili e periodo da allenatore della primavera compresi. Avrà soltanto trent'anni di motivazioni in più, per provare a fermare il City.