Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Lazio, Maximiano: “Qui è tutto molto diverso, ma voglio imparare. Non penso a Rui Patricio”

Lazio, Maximiano: “Qui è tutto molto diverso, ma voglio imparare. Non penso a Rui Patricio”TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 4 agosto 2022, 17:06Serie A
di Riccardo Caponetti

Dopo Gila e Marcos Antonio, a Formello si presente anche Luis Maximiano, portiere classe 1999 acquistato dalla Lazio per 10,5 milioni dal Granda. Di seguito la sua conferenza stampa:

Sei il primo portiere portoghese della storia della Lazio, senti la responsabilità per questo?
"Per me è un onore essere qui. Sono molto entusiasta, spero che sia un'esperienza fantastica. Spero di seguire le orme degli altri giocatori portoghesi che hanno indossato la maglia della Lazio".

Differenze tra un campionato e l'altro? Quando hai saputo dell'interesse della Lazio?
"Non seguo molto le notizie, ma quando il mio agente mi ha chiamato ho subito detto di sì. Qui in Italia c'è molto da imparare, soprattutto dal punto di vista tecnico".

Quali sono le richieste di Grigioni?
"Ho notato una differenza nella tecnica di parare. Io sto imparando, so che ci vuole tempo. Ma per come stiamo lavorando sono sicuro che non ci metterò molto".

Il derby con il connazionale Rui Patricio? La tua parata migliore?
"Per me le parate sono tutte importanti, indipendentemente dall'avversario. Non voglio pensare al derby, ragiono giorno per giorno".

Sulla concorrenza con l'altro portiere...
"Penso che non ci siano dei posti garantiti, se non lavori bene chi ti è vicino ti supera. Su mio figlio? Mi piacerebbe facesse anche lui il portiere, ma deciderà lui la sua strada".

Modelli di altri portieri del passato o contro cui hai giocato in Liga...
"La tradizione italiana è grandissima. Io sono cresciuto guardando Buffon. Non mi ispiro a un solo portiere, vorrei imparare da tutti i migliori portieri europei, prendendo il meglio da ognuno".

Sul gioco con i piedi...
"Mi chiede di giocare molto con i piedi Sarri, è una delle principali differenze rispetto al lavoro che facevamo al Granada".