Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Le pagelle del Milan - Tonali è l'uomo del destino. Leao Meravigliao, Kessie fa flop

Le pagelle del Milan - Tonali è l'uomo del destino. Leao Meravigliao, Kessie fa flopTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 24 aprile 2022, 22:45Serie A
di Marco Conterio
Lazio-Milan 1-2 al 90'

Maignan 6.5 L'uscita su Immobile del primo tempo è perfetta per tempo, istinto, follia. E' sempre pronto, presente, spettacolare da vedere, che sia una presa o un'intervento in anticipo.

Calabria 6 Tiene bene su Zaccagni e gioca una partita di personalità. Un primo tempo con qualche sbavatura, poi aumenta i giri e sulle sue mattonelle i biancocelesti non mettono mai tacchetto.

Kalulu 5.5 L'enfant prodige dell'accademia del Lione stavolta si perde Immobile sul più bello. Per il resto va sempre in pressione e tensione contro il puntero azzurro. Gara forse troppo pesante per il suo giovane cv.

Tomori 6 Rispetto al compagno, nei momenti difficili, ha quel passo e quell'istinto in più che lo fa già apparire pronto per le grandissime sfide. Non nelle migliori serate della carriera ma gioca in crescendo.

Hernandez 6.5 Quando nel primo tempo osserva leggero passare Milinkovic, un tecnico meno razionale di Pioli l'avrebbe quasi tolto. Poi riprende la bussola e nella ripresa dà due accelerate alla Verstappen.

Kessie 5.5 C'è ma non si vede. E non vale alcuna medaglia da eroe silenzioso e dietro le trincee avversarie: nel primo tempo è gravemente insufficiente, quanto meno nella ripresa dà qualche barlume di presenza. Ma non è certo abbastanza.

Tonali 7.5 In cattedra. L'uomo del destino, simbolo di questa vittoria. Una rete intelligente ma soprattutto una partita da leader assoluto. Una gemma Scudetto e per il calcio italiano.

Messias 6 La sua storia da favola si scontra con la realtà di una serata dove la Lazio fa da lupo cattivo: Radu ha pochi obblighi d'offendere ma l'ex Crotone lo mette più volte in apprensione tanto da costringerlo al cambio. (dal 70' Krunic 6 Fa sostanza e quantità, ma i ritmi si abbassano e lui non riesce mai a verticalizzare nel modo giusto per gli avanti)

Diaz 5.5 Un'altra occasione, un'altra mezza delusione. Sembra sempre poter inventare la giocata giusta, il tocco perfetto, il tiro azzeccato. Sembra, però, invece è una vuota illusione. (dal 68' Rebic 7 Venti minuti per un paio di sgassate e poi per un recupero palla che propizia il gol del sorpasso sull'Inter da parte di Tonali. Decisivo).

Leao 7 Se nel calcio vincessero solo quelli che regalano bellezza e arcobaleni nei cieli oscuri della mediocrità, sarebbe da Pallone d'Oro. Tanto fumo, quando ci mette l'arrosto, come in occasione dell'assist della ripresa, è un Modigliani. (dall'86' Saelemaekers sv)

Giroud 6.5 Centravanti stile antico, che gioca di spalle e di sponda, francese sulla carta d'identità ma inglese nel pedigree calcistico. Segna poco, forse troppo, ma quando lo fa come stasera sono macigni. (dal 68' Ibrahimovic 6.5 Il pubblico rossonero lo acclama, entra tra gli applausi ma combina poco fino alla zampata del campione. L'assist al 92' per Tonali è intelligenza e lucidità)

All: Stefano Pioli 7 L'assenza di Bennacer è pesante perché Kessie e Diaz non ripagano la fiducia del tecnico con prestazioni all'altezza. Risolleva la squadra negli spogliatoi, lo spazio lasciato all'ingegno di Leao si dimostra alla fine la scelta giusta. E mettere Ibra è la ciliegina.