Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Milan, Pioli: "Dobbiamo arrivare a 86, così avremo fatto di tutto. I ragazzi sono leoni"

Milan, Pioli: "Dobbiamo arrivare a 86, così avremo fatto di tutto. I ragazzi sono leoni"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 24 aprile 2022, 23:06Serie A
di Niccolò Pasta

Stefano Pioli, allenatore del Milan, parla così ai microfoni di DAZN dopo la vittoria contro la Lazio: “È giusto essere soddisfatti e contenti, per i nostri giocatori che sono dei leoni, e per i tifosi. Se fossi al posto dei miei ragazzi sarei arrabbiato, hanno troppo poco credito ma stanno dimostrando di essere molto forti. Mancano quattro giornate, vanno vinte tutte, non so se ci riusciremo ma sono molto forti”.

Avete dato un segnale importante.
“Abbiamo impattato male, preso un gol brutto per come lavoriamo. Ma siamo stati dentro la partita, ci siamo ricompattati. La Lazio è una grande squadra, ci ha messo in difficoltà, grande merito va alla mentalità dei miei ragazzi. È un passo in avanti importante. Il calendario è lì a metterci in difficoltà, ma proveremo a fare il meglio”.

Tonali è stato più offensivo e ha pagato.
“Nel primo tempo sì, abbiamo avuto 3-4 situazioni sul secondo palo in cui avremmo trovato situazioni più vantaggiose. Nel secondo tempo lui doveva stare più basso ma quando manca poco conta sentirlo. Ai ragazzi prima della partita ho detto che saremmo dovuti essere determinati e feroci. Complimenti a loro, siamo in Champions League e il percorso è continuo e di grande crescita. L’anno scorso non sapevamo nemmeno se potevamo restare nelle prime quattro, sono gradini che ci possono dare soddisfazioni. Ci proveremo fino alla fine”.

Qual era il piano finale?
“Abbiamo cercato di prendere posizioni che conosciamo meglio e il fatto di aver giocato con tre attaccanti vicini a volte abbiamo sprecato troppo. Abbiamo cercato di mettere energie nuove, pensavo che avremmo potuto vincerla perché il difficile era riprenderla. Una volta che si crea tanto c'è la possibilità di vincere, siamo stati bravi”

Tonali è un capitano?
“Lo sono tutti. Sono un gruppo responsabile, consapevole. Non esiste una squadra in A così giovane e in lotta per lo scudetto. Chiedo ai ragazzi un ultimo sforzo, è bello giocarsi qualcosa di importante dopo tanto lavoro. Giochiamo al massimo la prossima, inutile pensare troppo avanti. La Fiorentina è forte e arriverà arrabbiato dopo aver perso oggi”.

Avete pensato a gare in cui l’Inter può perdere punti?
“No, io ho detto alla squadra che dovremo vincerle tutte. Se alla fine faremo 86 punti avremo fatto di tutto. L’Inter ha cinque partite, il campionato è difficile. Le partite sono difficili per noi e possono esserle anche per gli avversari, guardate che è successo ad Empoli. Rimaniamo concentrati sul nostro percorso, solo così possiamo fare bene”.

Giroud se lo aspettava così?

“Parliamo di un giocatore di spessore, che ha vinto tutto, un campione del mondo. È una persona di spessore, è stato un acquisto azzimatissimo”.

Ha temuto contraccolpi dopo il derby?
“C’era delusione, molta, volevamo la finale ed è inutile negarlo. Dalle delusioni abbiamo sempre raccolto qualcosa, siamo stati bravi anche questa volta. Ora dobbiamo buttarci nel campionato, ci proveremo”.