Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Casadei e i suoi fratelli(ni): è l'estate della rifondazione baby del Chelsea. Guidata da Bath

Casadei e i suoi fratelli(ni): è l'estate della rifondazione baby del Chelsea. Guidata da BathTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 18 agosto 2022, 15:55Calcio estero
di Dimitri Conti

Non è una mosca bianca, Cesare Casadei. Il suo arrivo al Chelsea, con una spesa tutt'altro che indifferente (20 milioni di euro circa) per chi non ha neanche una presenza da professionista, fa parte di un insieme più grande che vede il club di Londra muoversi con intensità lungo due direzioni. E se la prima prevede l'innesto dei soliti, grandi nomi, c'è una novità: a Chelsea adesso si guarda con grande, grandissima forza al settore giovanile e alla costruzione in casa dei talenti del futuro.

I soldi dati all'Inter per Casadei, infatti, arrivano dopo tanti altri colpi che viaggiano in questa direzione: il più illustre è Carney Chukwuemeka, coetaneo del nerazzurro (2003) e soffiato al Milan a suon di milioni di euro (18, di parte fissa). Assieme a loro una frotta di nomi un po' meno noti al grande pubblico: il portiere Gabriel Slonina (2004) arriverà a gennaio da Chicago, mentre sono già in forza alle giovanili anche il terzino Zak Sturge (2004), inserito nel rovente asse di mercato col Brighton, e i centrocampisti Omari Hutchinson, 2003 arrivato a costo zero dall'Arsenal, e Tyler Dibling (2006) prelevato dal Southampton.

Queste manovre hanno un nome e un cognome ben preciso alle loro spalle, quello di Neil Bath, responsabile dell'Academy e investito totalmente della fiducia della nuova proprietà di Todd Boehly. Quest'ultimo crede molto nel suo lavoro e continuerà a garantire investimenti anche da destinare alla prospettiva.