Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

L'Atletico Madrid e la nota dopo i cori razzisti a Vinicius. Cerezo: "Non è arrivata troppo tardi"

L'Atletico Madrid e la nota dopo i cori razzisti a Vinicius. Cerezo: "Non è arrivata troppo tardi"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Manuel Angel Laya/Todo Atlético
venerdì 23 settembre 2022, 15:12Calcio estero
di Alessio Del Lungo

Enrique Cerezo, presidente dell'Atletico Madrid, era presente ieri sera per ritirare il premio per la Sostenibilità nello Sport, assegnato ai Colchoneros. Prima del galà, il numero uno del club spagnolo ha rilasciato alcune dichiarazioni ad AS, rispondendo alle critiche sulle tempistiche del comunicato contro gli insulti razzisti rivolti a Vinicius: "Non è troppo tardi perché è da tempo che ci dichiariamo contro il razzismo e contro ogni sistema che va contro il calcio e la società. È conveniente, di tanto in tanto, ricordarlo quando si verificano questi eventi. Il sistema va controllato, non migliorato. Questo accade in quasi tutte le fasi, ma in alcune ha un impatto maggiore rispetto ad altre. È un fatto indicibile che non deve essere ripetuto, poiché viviamo per andare a vedere una partita di calcio, per divertirci".

Cerezo spiega quanto può fare in concreto una società contro queste cose: "Dobbiamo limitarci a dare istruzioni e, soprattutto, a sensibilizzare le persone che quello che vengono a fare è vedere una partita di calcio, divertirsi con i propri figli e i loro amici. Poi c'è l'ordine pubblico, la polizia... Sono loro, in fondo, che devono controllare".