Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Dal futuro di Meret alla questione intermediari, tutte le dichiarazioni di Pastorello

Dal futuro di Meret alla questione intermediari, tutte le dichiarazioni di PastorelloTUTTOmercatoWEB.com
lunedì 26 settembre 2022, 00:49I fatti del giorno
di Alessandra Stefanelli

A margine del Festival di Trento è intervenuto oggi l’agente Federico Pastorello, che nel suo intervento ha toccato diversi temi legati al nostro calcio: “È un campionato molto avvincente, è bello vedere qualche ribaltone nelle zone alte, con Napoli e Atalanta che non sono tanto sorprese ma vederle lì è divertente. Per non parlare dell'Udinese".

Su Meret: "Era la cosa che chiedevamo da due anni a questa parte, solo l'opportunità di poter avere un po' di tranquillità e il tempo per trovare stabilità. Teniamo conto che la stagione con Gattuso non era stata semplicissima con l'alternanza, però aveva dimostrato affidabilità. Società e allenatore fanno delle scelte, credo che Alex abbia dimostrato personalità e professionalità nel gestire questa situazione al meglio. Oggi finalmente, anche per situazioni fortuite, si è trovato a parare e lo sta facendo benissimo. Il rinnovo col Napoli? Noi non abbiamo mai negato il dialogo col Napoli, vediamo cosa porterà. I colloqui ci sono sempre stati: dipende dalle parti, ma la nostra disponibilità c'è sempre stata".

Sugli intermediari: "Io non ho mai fatto intermediazioni in Italia ma solamente per club stranieri o e per l'Italia come ad esempio nel caso di Boga al Sassuolo. I dirigenti non conoscevano l'amministratore delegato del Chelsea e di conseguenza mi sono mosso io. Però sono d'accordo sul fatto che dobbiamo essere retribuiti solamente nel caso in cui diamo un valore aggiunto al cliente per cui lavoriamo".