Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Juve, la stagione si chiude con un’altra sconfitta e zero tiri in porta. In tanti ai saluti, la testa è al futuro

Juve, la stagione si chiude con un’altra sconfitta e zero tiri in porta. In tanti ai saluti, la testa è al futuroTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 22 maggio 2022, 08:30Serie A
di Simone Dinoi

Si chiude con una sconfitta l’ultimo appuntamento della stagione della Juventus di Massimiliano Allegri. Finisce 2-0 al Franchi di Firenze e per la prima volta in quattro confronti in stagione i bianconeri vengono superati dalla Fiorentina di Vincenzo Italiano. Decidono l’incontro le reti, entrambe allo scadere dei due tempi, di Duncan e Nico Gonzalez (dal dischetto) con Madama che termina la Serie A 2021/2022 al quarto posto (conquistato già da un paio di giornate), a quota 70 punti in virtù di 20 vittorie, 10 pareggi e 8 sconfitte. Un ruolino di marcia che, complice il crollo dell’Atalanta, ha garantito l’accesso alla prossima Champions League con serenità, ma che non può soddisfare un club che fa dei trionfi il proprio marchio di fabbrica.

La stagione si chiude con una partita da zero tiri in porta.
Fare brutte figure non va bene”, aveva aperto così la serata del Franchi Massimiliano Allegri. A fine partita, con tutte le attenuanti di motivazioni del caso, la statistica della conclusioni è impietosa: zero tiri in porta, uno solo effettuato per provare a far male alla difesa viola. Il risultato, evidentemente, non contava ma qualcosina in più era lecito attendersi seppur con la testa già proiettata verso il futuro. Era l’ultima di Chiellini che, a modo suo, ha salutato con una ferita sulla testa, l’ultima di Dybala apparso decisamente scarico, il saluto di Bernardeschi, anche lui quasi mai nella partita. Loro ai saluti ufficiali, chissà quanti altri con la possibilità di vedersi altrove il prossimo settembre.

La testa è già al futuro.
Il futuro è sempre pieno di belle speranza ed è il motore dell’ottimismo quando le cose non sono andate bene nel recente passato e trascinate nel presente. Così ci si rifugia in tutto quello che potrà essere e sul calciomercato che verosimilmente metterà sul piatto tanti cambiamenti nella rosa bianconera. “Abbiamo concluso degnamente l'annata, ora pensiamo velocemente al prossimo anno, - ha racconto Allegri nel post gara, - Mercato? Sono contento perché abbiamo unità d'intenti, la squadra va sistemata con calma e lucidità. La rivoluzione non dovrà essere marcata, normale che all'interno della squadra serve un mix altrimenti con tutti giovani è più difficile vincere, esperienza e malizia ci vogliono”. Focus sul calciomercato dunque, in entrata e in uscita con due nomi su tutti sempre più caldi per il nuovo progetto della Juventus: Paul Pogba e Angel Di Maria.

Primo piano
TMW Radio Sport