Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

L'Atalanta cerca la soluzione per risolvere il rebus Inter. E non c'è nessun caso Scamacca

L'Atalanta cerca la soluzione per risolvere il rebus Inter. E non c'è nessun caso ScamaccaTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 28 febbraio 2024, 06:15Serie A
di Patrick Iannarelli

Gare simili possono darti la consapevolezza giusta, quella che serve negli sprint nervosi, quelli in mezzo al gruppone. Metafore ciclistiche a parte, questa sera l'Atalanta si gioca una buona fetta d'Europa: è chiaro che la sfida con la prima della classe non è per nulla semplice - considerato anche il momento di un'Inter che continua a stupire tutti -, ma come ribadito dal Gasp gli orobici hanno ben poco da perdere.

Enigmi
L'unica certezza riguarda quell'asterisco che sparirà al fischio finale, da quel momento in poi ci sarà una classifica veritiera che permetterà di impostare strategie e fare calcoli, forse. "L'Inter è una squadra completa - ha ribadito Gian Piero Gasperini in conferenza stampa alla vigilia del match -, Inzaghi ha fatto un grandissimo lavoro, poche volte si è vista giocare l'Inter con questa qualità. Di Scudetti ne ha vinti, ma in questo modo è davvero unico. Ha qualità in tutti i reparti, gioca bene in Italia e in Europa, noi dobbiamo andare a giocare la nostra gara". Il rebus dunque come si risolve? Attitudine e mentalità, ma soprattutto un centrocampo bello tosto, di gamba, in grado di strappare palloni a una squadre che se inizia a gestire il possesso rischia di far girare la testa a chiunque.

Nessun caso
I punti di domanda sono però riguardano in particolar modo l'attacco: meglio un falso nueve e un attaccante in grado di riempire l'area? Di certo l'obiettivo è ritrovare uno Scamacca che nell'ultima alla Scala del Calcio è entrato con un atteggiamento scarico, troppo molle per far male al Milan. Comunque il Gasp non vuole fare drammi: "È un ragazzo che si comporta benissimo e lavora tanto, è un ragazzo positivo quindi non c'è nessun problema Scamacca. L'unico problema è considerare Scamacca un grande campione, questo oggi non è possibile. Sta lavorando come tanti per diventarlo, ma l'unico problema è solo questo. Ha fatto delle ottime partite, altre meno bene, può succedere. Però è un ragazzo molto positivo". Testa al campo, c'è poco tempo per riflettere.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile