Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Rabiot, Arthur, Paredes: cosa succede adesso al centrocampo della Juventus

Rabiot, Arthur, Paredes: cosa succede adesso al centrocampo della JuventusTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 18 agosto 2022, 10:08Serie A
di Ivan Cardia

Viva la mamma, affezionata a quella commissione un po’ ricca. Della signora Veronique, a Parigi, hanno più o meno questo ricordo. In Inghilterra, hanno di recente definito “oscene” le richieste fatte al Manchester United per il trasferimento del pargolo, al secolo Adrien Rabiot. Detto che il termine ben si attaglierebbe a quasi tutto il mercato fatto dai Red Devils nell’ultimo decennio, e quindi forse la madre del centrocampista francese si è semplicemente adattata, il risultato finale è che, salvo sorprese, Rabiot rimarrà alla Juventus. Che, messa in conto la cessione dell’ex PSG, si era portata molto avanti nella trattativa per Leandro Paredes e ora invece deve fermarsi di nuovo a riflettere.

Tutto dipende da Arthur. Che non è Rabiot, soprattutto nelle idee di Allegri. Quelle più importanti, alla fine della fiera. Chiariamoci: ironie dei tifosi a parte, il francese è un giocatore che il tecnico considera tuttora utile al progetto. Non proprio un incedibile, tant’è che la Juve lo aveva praticamente ceduto, ma neanche un corpo estraneo. Se resterà, come sembra, alla Continassa ci sarà qualcuno poco contento, a partire da chi sperava di risparmiare il (ricco) ingaggio dell’ultimo anno di contratto e magari guadagnare pure qualcosa. Non Allegri, che è sempre stato chiaro: se Rabiot parte, lo si accompagna. Ma se rimane, resta e gioca senza alcun dubbio. Non altrettanto può dirsi per l’ex Barcellona, dichiaratamente in uscita.

E Paredes? A livello numerico, l’uscita di Rabiot avrebbe liberato il campo all’innesto dell’argentino. Ora, quest’ultimo resta possibile: la trattativa è sempre in piedi, specie considerando l’apertura del Paris al prestito con diritto di riscatto. Ma la cessione di Arthur diventa cruciale: per un discorso di liste - quella UEFA è già esuberante - e di progetto tecnico. Cruciale, ma anche bloccata: nonostante le parole di qualche giorno fa dell’agente Pastorello, al netto sapore di rottura, la negoziazione col Valencia si è arenata. Se si riattiverà, o si apriranno nuovi canali, a quel punto arriverà l’affondo per Paredes. La “speranza” che quel posto lo liberasse Rabiot è durata il tempo di un incontro. Viva la mamma.