Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Reynolds: "Vorrei tornare alla Roma ma la realtà è un'altra, non sono ancora pronto"

Reynolds: "Vorrei tornare alla Roma ma la realtà è un'altra, non sono ancora pronto"
© foto di Insidefoto/Image Sport
domenica 3 luglio 2022, 22:22Serie A
di Dimitri Conti

Bryan Reynolds, terzino di proprietà della Roma ceduto in prestito al Westerlo, ha parlato a gianlucadimarzio.com. Di seguito alcuni dei passaggi principali: “Ho buone sensazioni, mi sto divertendo, c’è un progetto con tanti giovani. Ho scelto il Westerlo perché mi volevano fortemente, avevo anche altre offerte ma poter giocare tante partite mi ha spinto qui. Ora dipende solo da me, se faccio bene quest’anno potrò tornare a Roma o andare altrove. In Serie A il livello è più alto che in Belgio, ci sono una o due squadre che sai di poter battere già da prima, mentre qui non sai mai come vanno a finire le partite”.

Parlando delle sue fonti di ispirazione, cita Alexander-Arnold e Reece James ma aggiunge: “L’idolo assoluto è Hakim, lo considero il miglior terzino destro al mondo. Lo idolatro, voglio diventare come lui”. In un certo senso, li unisce un certo lavoro da fare sulla fase difensiva: “In MLS ero un’ala, bravissimo quando dovevo attaccare. Ci vuole pazienza, faccio il terzino da soli due anni e ci vuole tempo per abituarmi. Se voglio fare il alto di qualità, però, devo essere un bravo difensore”. Quale miglior maestro di Mourinho? “Mi dava spesso consigli in allenamento - conclude Reynolds - su come migliorare quando facevo errori, ma anche complimenti quando andavo bene. Ho giocato col contagocce ma ho apprezzato l’aver posto giocare sotto la sua guida. Certo, essere scartato non è stato facile ma ora sono in Belgio e non voglio più pensarci… Mi piacerebbe tornare a Roma, ma la realtà è un’altra. Ancora non sono pronto per quei livelli”.