Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Nagorno-Karabakh, il post sui social di Mkhitaryan: "Ho il cuore a pezzi, evitate genocidio"

Nagorno-Karabakh, il post sui social di Mkhitaryan: "Ho il cuore a pezzi, evitate genocidio"
foto ANSA
© foto di ANSA
martedì 26 settembre 2023, 19:31Altre Notizie
di Raimondo De Magistris
fonte ANSA
'Siamo ancora in tempo, i leader si oppongano a pulizia etnica'

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Dopo un blocco durato dieci mesi, il 19 settembre l'esercito dell'Azerbaigian ha lanciato un brutale bombardamento del Nagorno Karabakh. Mi si spezza il cuore quando apprendo le storie di traumi, perdite e gravi violazioni dei diritti umani di migliaia di famiglie armene che vengono sfollate con la forza dal Nagorno Karabakh e fuggono in Armenia in un esodo di massa. La situazione che le persone nel Nagorno-Karabakh stanno soffrendo in questo momento porta con sé ricordi dei momenti più bui della Storia". Con un lungo post sul social X, l'armeno dell'Inter Henry Mkhitaryan, non nuovo a prese di posizione su argomenti extracalcio e che riguardino il suo popolo e la guerra con gli azeri, invita la comunità internazionale a riflettere e a intervenire per evitare un genocidio. "Spesso guardiamo indietro a quelle pagine oscure di uccisioni indiscriminate, pulizia etnica e campi di concentramento - continua Mkhitaryan - con rimorso e con il rammarico che nessuno abbia fatto abbastanza per fermarli. Non possiamo riportare indietro le vittime delle atrocità del passato, ma siamo ancora in tempo per impedire che si verifichi un genocidio nel Nagorno-Karabakh".

"Nel mezzo di questo orrore, abbiamo bisogno della mobilitazione immediata degli aiuti umanitari di emergenza attraverso il corridoio Lachine e del ponte aereo - è l'auspicio dell'ex di Manchester Utd. e Roma -, e del dispiegamento di missioni di monitoraggio internazionali per porre fine a questi crimini contro l'umanità. È ora urgente che i leader internazionali si oppongano alla pulizia etnica e utilizzino tutti gli strumenti politici possibili per porre fine alle azioni militari nella regione. I bambini hanno il diritto di vivere in pace nella loro patria". (ANSA).

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile