Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Demiral in, Romero out. L'Atalanta muove il mercato dei difensori tra Serie A e Premier League

Demiral in, Romero out. L'Atalanta muove il mercato dei difensori tra Serie A e Premier League
sabato 7 agosto 2021, 00:45I fatti del giorno
di Tommaso Bonan

Non è solo il mercato dei grandi attaccanti. Tra i protagonisti delle ultime ore ci sono anche Merih Demiral e Cristian Romero, che hanno dato il là al grande giro di difensori.

Qui Demiral. Il turco, dopo una lunga trattativa, finalmente sbarca ufficialmente alla corte di Gasperini, rimpiazzando così nella rosa dell'Atalanta l'argentino Romero. Titolo temporaneo con diritto di opzione, come recita il comunicato. "Ho già vinto in A, adesso voglio un trofeo con l'Atalanta, sarebbe più speciale", ha già detto il giocatore nella sua prima intervista da nerazzurro, il quale si candida ad un ruolo da protagonista nella prossima stagione. Quel ruolo che non è riuscito a ritagliarsi nella Juve, salutata comunque con affetto: "Condiviso momenti eccezionali, sarai sempre nei miei ricordi". Insomma, chiuso il capitolo bianconero, si riparte con la nuova maglia numero 28.

Qui Romero. Entrato Demiral, a fargli "spazio" come detto è Cristian Romero. Dapprima riscattato dall'Atalanta dalla Juventus (qui i dettagli economici), ha fatto seguito il comunicato ufficiale del Tottenham. L'argentino, 23 anni, lascia dunque la Serie A dopo tre stagioni: "Atalanta più di un semplice club, ha creduto in me più di chiunque altro", il pensiero d'addio del giocatore che - salutato anche dal club dei Percassi - ha scelto la maglia numero 4 liberata da Alderweireld.