Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Palladino, buona anche la seconda: ora il Monza funziona e prosegue la risalita

Palladino, buona anche la seconda: ora il Monza funziona e prosegue la risalitaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 3 ottobre 2022, 00:47I fatti del giorno
di Pierpaolo Matrone

La vittoria del figliol prodigo, Matteo Pessina, ma anche o forse soprattutto quella di Raffaele Palladino. Il Monza adesso va forte e inanella la seconda vittoria consecutiva: dopo la Juventus, il nuovo allenatore brianzolo fa sua anche l'insidiosa trasferta sul campo della Sampdoria e fa en plein. Con una neopromossa l'ultimo che era riuscito a fare sei punti alle due gare di debutto era stato Roberto Donadoni, con il Livorno 17 anni fa.

Palladino si gode un inizio da sogno, culminato in questo successo convincente contro la Sampdoria. Merito anche di Pessina, dicevamo, al primo gol con la squadra di cui è capitano, di Sensi e di Caprari, il Made in Italy che funziona. Con grande eleganza a fine partita l'allenatore dà meriti anche al suo predecessore Stroppa: "La squadra è costruita molto bene, sono stati presi giocatori di qualità, la proprietà ha scelto bene, giocatori italiani con senso d'appartenenza e grande prospettiva. Nella gestione di Stroppa - sottolinea a Dazn - ho trovato una squadra che ha conoscenze, sa giocare a calcio e quindi va dato merito anche all'allenatore che c'era prima di me. Io ho provato a dare qualcosa perché i risultati non erano soddisfacenti e c'era un po' di amarezza, ho cercato di lavorare sull'aspetto psicologico e l'intensità senza palla e dare qualche indicazione ai ragazzi su come affrontare le squadre avversaria".