Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Giuseppe Marotta, dirigente da 47 anni. Ora amministratore delegato dell'Inter, dopo la Juventus

Giuseppe Marotta, dirigente da 47 anni. Ora amministratore delegato dell'Inter, dopo la JuventusTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 25 marzo 2023, 00:00Nato Oggi...
di Andrea Losapio

Giuseppe Marotta ha vissuto la propria vita dedicandola al calcio. Oggi compie 66 anni, ma da quando ne aveva diciannove non si è mai fermato, partendo come direttore del settore giovanile del Varese, nel 1978, divenendo poi direttore generale dal 1979 al 1986. Una delle prime operazioni di Marotta è stata quella di prendere Michelangelo Rampulla, portiere promettente che poi finirà la sua carriera alla Juventus. Dopo il Varese è tempo di Monza, poi Como, Ravenna e Venezia, arrivando in Serie A con i lagunari dopo 31 anni di assenza, salvandosi poi con Novellino in panchina e il duo d'attacco formato da Recoba e Maniero.

Nel 2000 passa all'Atalanta, per starci due anni, superando per ben due volte il record di punti in Serie A. Poi la svolta, alla Sampdoria, riuscendo a centrare la promozione in Serie A con Novellino, che aveva avuto proprio al Venezia. Dal 2004 diventa l'amministratore delegato del club blucerchiato, fino al 2010, quando con Cassano e Pazzini centra il quarto posto che vuol dire preliminari di Champions. Passa alla Juventus con il vice Fabio Paratici, prendendo Delneri e facendo un buco nell'acqua al primo anno. Bravo è chi impara dai propri errori, perché l'anno dopo - con Andrea Agnelli come presidente - dà inizio alla fantastica striscia di nove Scudetti consecutivi.

Rimane fino al 2018, quando Agnelli vuole più forza e più potere, prendendo Cristiano Ronaldo nonostante il parere contrario proprio di Marotta. Poco dopo accetta la corte dell'Inter per diventare l'amministratore delegato dell'area sportiva. Vince un campionato con Antonio Conte in panchina e si deve destreggiare nei conti - in rosso fuoco - che Suning lascia dopo la pandemia. Marotta è una garanzia di successo, non fosse così non sarebbe da quarantasette stagioni sempre in sella.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile