Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Polverosi al CorSport: "L'adattabilità dell'uomo del calcio quest'anno sarà messa a dura prova"

Polverosi al CorSport: "L'adattabilità dell'uomo del calcio quest'anno sarà messa a dura prova"TUTTOmercatoWEB.com
sabato 25 giugno 2022, 08:03Rassegna stampa
di Micol Malaguti

"Se l’uomo del mondo ha la straordinaria capacità di adattarsi a tutto, figuriamoci l’uomo del calcio. Tuttavia quest’anno sarà messo a dura prova" commenta Alberto Polversi nel corsivo di oggi alle pagine del Corriere dello Sport. Il riferimento è alla lunga e inconsueta stagione 2022/23 che prenderà il via il 13 agosto e terminerà il 4 giungo successivo, condita però da ben 52 giorni di pausa invernale per lo svolgimento del Mondiale in Quatar, a cui noi italiani faremo solo da spettatori. "In Russia - continua Polverosi ricordando il campionato del Mondo a cui l'Italia non ha preso parte - il Mondiale è iniziato quando in Italia il campionato era finito e così anche le coppe, quel Mondiale è stato una triste distrazione estiva per noi. Questo invece spacca a metà la “nostra” stagione, come se ci fosse un torneo di Apertura e uno di Clausura. Colpa nostra, sia chiaro, siamo noi gli esclusi dal Qatar". Secondo Polversori, la ripartenza dopo la sosta sarà dura anche per tifosi e addetti ai lavori che faticheranno a ricordarsi dove eravamo rimasti. Pensare poi ai giocatori, che dovranno rimettersi in forma quasi al pari di una sosta estiva: "Sarà un duro (e nuovo) lavoro per i preparatori atletici. Ogni squadra dovrà fare una doppia preparazione, estiva e invernale" suggerisce l'autore. In conclusione Polverosi spera che questo spettacolo interrotto, ma da noi (Italia) costruito, sia il primo e l'ultimo che vivremo.