Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
esclusiva

Nani: "Guardiola resta il miglior allenatore al mondo. Nessuna sindrome Champions"

ESCLUSIVA TMW - Nani: "Guardiola resta il miglior allenatore al mondo. Nessuna sindrome Champions"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 5 maggio 2022, 16:35Serie A
di Lorenzo Marucci

Gianluca Nani non ha dubbi. Pep Guardiola resta il numero uno al di là del ko di ieri e dell'eliminazione dal Real Madrid in Champions. Nani, che è stato il ds che ha portato Guardiola al Brescia, ora dice a Tuttomercatoweb.com: "Considero Guardiola il migliore di tutti, l'ho avuto da calciatore e tifo per le sue squadre, fanno un bel calcio e ci si diverte. Certo, Ancelotti rappresenta l'orgoglio italiano e quando posso faccio il tifo anche per lui. Sono affezionato a Pep e ieri sono stato dispiaciutissimo anche se contento per Ancelotti. Credo che da questa sconfitta per Guardiola potranno nascere altre vittorie. Per il calcio che propone, per il messaggio che manda, considero Guardiola il migliore al mondo".

Sostiene Capello che però non si possa giocare sempre senza centravanti...
"E' un tassello che pare mancare ma ricordo che a Roma Spalletti non aveva centravanti e si inventò Totti che fece grandi cose. L'allenatore bravo sa tirare fuori il massimo dai suoi calciatori e se Guardiola dovesse considerare un'esigenza il centravanti lo prenderebbe e sceglierebbe il migliore".

Guardiola e il difficile rapporto con la Champions negli ultimi anni...
"Intanto la Champions l'ha vinta col Barcellona. Poi quando arrivi in finale e perdi o in semifinale dominando le due partite e poi esci parliamo di dettagli. Non c'è una sindrome Champions. Ripeto, il calcio di Guardiola è il più bello e divertente del mondo".

© Riproduzione riservata