Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
live

Spezia, Gotti: "Bastoni opzione per la sinistra. Diversi ancora out"

LIVE TMW - Spezia, Gotti: "Bastoni opzione per la sinistra. Diversi ancora out"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 7 ottobre 2022, 15:11Serie A
di Niccolò Pasta
Premi F5 per aggiornare la diretta

14.30 - Archiviato il netto ko contro la Lazio, lo Spezia si prepara ad una nuova trasferta, per lo scontro diretto contro il Monza. Tra pochi minuti, dalla sala stampa del centro sportivo Ferdeghini, il tecnico dei liguri Luca Gotti parlerà in conferenza, per discutere delle ultime in casa del club di Via Melara, a due giorni dalla gara contro i brianzoli. Segui su TMW la diretta delle sue parole.

15.00 - Inizia la conferenza stampa.

Contro la Lazio aveva visto preoccupazione nel pre partita. Cosa intendeva?
“Non mi risulta di aver detto che la squadra fosse preoccupata. Prima della partita c’erano sensazioni, ma bisogna fare una premessa. Ci sono settimane fatte benissimo che poi non corrispondono alla prestazione della domenica, e viceversa. La partita è un’altra cosa e la stessa cosa vale per la rifinitura, per il riscaldamento pre gara, si avverte molto in partita. Questi segnali vengono colti, ma la settimana scorsa abbiamo fatto una settimana lunga allenandoci tutti i giorni dal lunedì alla domenica con grossi carichi. Ci sono state grosse problematiche fisiche, dalle nazionali e non, e siamo arrivati con una sensazione di stanchezza già prima della partita. Si avvertiva che fossimo appesantiti, queste erano le mie sensazioni. Poi dopo 30 secondi prendiamo un rigore contro e dopo 10 minuti prendiamo gol. Questa è la spiegazione”.

Questa settimana com’è andata?
“Abbiamo lavorato con molti più giocatori. La settimana scorsa eravamo a ranghi ridotti, con rientri una tantum. Gradualmente stanno rientrando un po’ tutti, resteranno fuori Hristov, Sala, Reca. Abbiamo lavorato con più continuità e ci prepariamo ad affrontare una partita importante”.

Può riproporre Kiwior a sinistra?
“Domenica non è andata bene, ma i presupposti di Monza sono diversi da quelli della Lazio. Abbiamo giocato a quattro, Kiwior ha fatto il terzino a sinistra, mentre con il Monza faremo le nostre cose senza particolari interventi”.

Ekdal e Bourabia possono giocare insieme?
“Ancora non lo sappiamo. Secondo me sì, ma la prova del campo non l’abbiamo fatta. Anche in allenamento, provarlo ci è ancora difficile. Dobbiamo aspettare che Ekdal sia al suo meglio per dire se si può fare. Calcisticamente dico di sì”.

Agudelo come sta?
“Agudelo ha fatto una settimana non facile. Con la Lazio ho scelto di partire con Ellertsson, che peraltro aveva appena giocato in nazionale ed era tornato soddisfatto, anche per tenermi la possibilità di inserire Agudelo a partita in corso. Kevin ha queste caratteristiche di entrare bene in partita e con cinque sostituzioni l’ottica dell’allenatore di non dire ‘parto con l’undici migliore’. La partita non si sa se si vince o si perde all’inizio o alla fine, uno immagina l’evolversi della partita e prova a cambiarla in corso. Tenersi delle armi in grado di cambiare la partita è un ragionamento che si fa”.

Palladino ha inciso dal punto di vista della reazione o c'è qualcosa di diverso in questo Monza?
“Ho visto le due partite con la Juventus e la Sampdoria. Non avevo visto, per incroci con le avversarie, il Monza di Stroppa, che conosco bene. Non so veramente dire se ci siano cambiamenti strutturali rispetto a quello che c'è stato in campo. In queste due partite abbiamo visto una squadra con entusiasmo, che contro la Juventus resta in undici contro dieci, vincendo una partita quasi insperata. A Genova hanno fatto una partita di qualità ma operaia, che lavora insieme. Mi sembra di poter dire che c'è del merito di Palladino, visto che lo conosco vedo alcune delle sue idee in campo".

Amian lo vede come quinto? Beck che giocatore è?
“Amian non riesco ancora a rispondere. La confezione fisica è limita, sul avere momenti di Serie A in cui può fare il terzo, ma non so dire cosa può darmi quando ha campo davanti. Ne riparleremo quando starà meglio. Beck non lo avevo in ritiro, quando siamo scesi dal Trentino mi è piaciuto. È un ragazzo che apprende molto velocemente, mi piace, condividiamo concetti e prova a metterli in pratica. Giocherà in tutti ruoli del centrocampo, è duttile ed entusiasta. Mi è piaciuto molto durante le settimane, c’era questa occasione per premiare il suo impegno e percorso e l’abbiamo presa”.

Bastoni e Gyasi come quinti sono due opzioni? Strelec può giocare con Nzola?
“Sono alcune delle opzioni che sto valutando”.

Si aspettava questa Udinese?
“Aspettarsi questa classifica no, sono sei vittorie in otto partite ed è difficile aspettarselo. Che fosse una cosa che può capitare a quella squadra e a quei giocatori sì, nell’ultimo anno e mezzo lo avevo sperato a mia volta. Poi qualcosa succedeva, si faceva male qualcuno, c’erano incastri, e non era successo. Sono contento per tante delle persone che sono lì, a partire dai ragazzi, che si meritano questa soddisfazione di risultati a fronte del tanto lavoro che c’è dietro”.

15.11 - Si chiude la conferenza stampa.