Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

…con Gaetano Masucci

…con Gaetano MasucciTUTTO mercato WEB
© foto di Luca Rea/LR Press
sabato 18 maggio 2024, 02:46A tu per tu
di Alessio Alaimo

Gaetano Masucci dice addio al calcio giocato. Il futuro, per l’ex attaccante che per anni è stato accompagnato dal manager Danilo Caravello, è probabilmente ancora a Pisa. In un’altra veste. Masucci si racconta a TuttoMercatoWeb.com

Masucci, ha deciso. Smette?
“Tutto deve avere un inizio e una fine. Se avessi dovuto scegliere con cuore e passione non avrei mai smesso. Era giusto finire adesso. Il tributo che mi hanno dedicato è stato emozionante”.

Il momento più bello che si porta dietro?
“Davvero, farei fatica a trovare un momento. Sicuramente Sassuolo è stata una pagina importantissima della mia carriera e sono andato via da genitore. Il 18 agosto 99 sono andato via da casa per andare al Torino, ero un bambino che non voleva staccarsi dalla mamma. Avevo iniziato con poche aspettative, la passione è stata talmente forte che mi ha fatto superare la lontananza. E ovviamente l’ultima esperienza mi ha lasciato qualcosa di straordinario”.

Che peccato non aver centrato i playoff…
“Avrei preferito lasciare con questo risultato. Però non sempre la vita ti da ciò che ti aspetti. Bisogna prenderne atto”.

E adesso?
“Sapendo che avrei finito, ho fatto il corso da direttore sportivo. Ho fatto una chiacchierata con la società e sto aspettando. Sicuramente ci sono altre priorità ma stiamo cercando di capire in che veste posso essere utile”.

Il suo modello da dirigente?
“Ne ho avuti tanti e con caratteristiche diverse. Sicuramente ho preso tanti spunti. Ma vorrei partire a modo mio e conoscere un mondo che non conosco ancora”.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile