Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

28 maggio 2003, il Milan vince la Champions ai rigori contro la Juve nella notte di Manchester

28 maggio 2003, il Milan vince la Champions ai rigori contro la Juve nella notte di ManchesterTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
martedì 28 maggio 2024, 00:00Accadde Oggi...
di Alessio Del Lungo

21 anni fa il Milan alzava a Manchester la sesta Champions League della sua storia dopo aver battuto in finale per 3-2 ai calci di rigore la Juventus. Ancora oggi è l'unica volta che nell'ultimo atto della Coppa dei Campioni si sono sfidate due italiane. Superfluo sottolineare come fossero tantissimi i campioni in entrambe le squadre: Buffon, Thuram, Davids, Trezeguet e Del Piero da una parte; Costacurta, Nesta, Maldini, Pirlo, Seedorf, Rui Costa e Shevchenko dall'altra.

La prima occasione della partita capita proprio all'ucraino che riceve un cross da sinistra di Inzaghi e calcia con il mancino dal dischetto alle spalle di Buffon: tutto fermo, l'assistente aveva segnalato un fuorigioco. I rossoneri premono, ma in porta i bianconeri hanno un supereroe, che salva con una parata in controtempo su un colpo di testa di Inzaghi, ottimamente servito da Seedorf. È un match a senso unico, anche Rui Costa sfiora il vantaggio dal limite con un diagonale largo. Finalmente poi si fa vedere anche la Juventus con un destro incrociato di Del Piero, ottimamente murato da Dida in corner. La prima frazione si chiude con un sinistro di Kaladze dai 25 metri bloccato senza difficoltà da Buffon.

Il secondo tempo invece vede la Juventus arrembante, con Del Piero che suggerisce in area per Conte, bravissimo a colpire di testa. Sembra un gol già fatto, ma la traversa respinge la conclusione del centrocampista, strozzandogli in gola l'urlo liberatorio per il vantaggio. Il Diavolo non si scoraggia e reagisce con il colpo di testa di Maldini, largo di poco, e il tocco sotto porta di Inzaghi, alto.

Ai supplementari non succede niente di importante e la partita finisce 0-0. Ai rigori poi il primo a sbagliare è Trezeguet, che apre il piatto e si fa ipnotizzare da Dida. Serginho e Birindelli non sbagliano, mentre Seedorf incrocia e viene murato da Buffon. La terza serie inizia con un errore di Zalayeta, che calcia basso e centrale, trovando l'opposizione dell'estremo difensore brasiliano. È un errore che pesa come un macigno, ma che non sposta gli equilibri, dato che anche Kaladze incrocia il mancino e fallisce. È la notte dei portieri: Dida è super anche su Montero e riporta il Milan virtualmente avanti. Nesta è glaciale, così come Del Piero, tocca dunque a Shevchenko presentarsi dal dischetto per il tiro decisivo: l'attaccante apre il piatto e non sbaglia, spiazzando Buffon. È festa Milan. Di seguito il tabellino dell'incontro:

Juventus (4-4-2): Buffon; Thuram, Tudor (dal 42' p.t. Birindelli), Ferrara, Montero; Camoranesi (dal 1' s.t. Conte ) Tacchinardi, Davids (dal 20' s.t. Zalayeta), Zambrotta; Trezeguet, Del Piero. A disposizione: Chimenti, Pessotto, Iuliano, Di Vaio. Allenatore: Lippi.

Milan (4-3-1-2): Dida; Costacurta (dal 20’ s.t. Roque Junior), Nesta, Maldini, Kaladze; Gattuso, Pirlo, (dal 26’ s.t. Serginho), Seedorf; Rui Costa (dal 42’ s.t. Ambrosini); Shevchenko, Inzaghi. A disposizione: Abbiati, Laursen, Brocchi, Rivaldo. Allenatore: Ancelotti.

Arbitro: Merk (Germania)

Guardalinee: Muller e Schraer. Quarto uomo: Stark

Ammoniti: Costacurta, Tacchinardi, Del Piero.

Note: spettatori paganti 63.315.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile