Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Lewandowski: "Mi sento come un bambino con un nuovo giocattolo. Volevo cambiare"

Lewandowski: "Mi sento come un bambino con un nuovo giocattolo. Volevo cambiare"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Uefa/Image Sport
lunedì 8 agosto 2022, 15:54Calcio estero
di Michele Pavese

Robert Lewandowski ha rilasciato una lunga intervista a Sport1, dove ha parlato della straordinaria accoglienza che gli hanno riservato i tifosi del Barcellona: " È stato incredibile! Non mi aspettavo di vedere così tanti tifosi alla presentazione. Non importa se ce n'erano di più rispetto ad altri giocatori come Ronaldinho o Ibrahimovic, quelli erano altri tempi. Però è stato bello, un'esperienza che rimarrà per sempre".

L'addio al Bayern: "Avevo bisogno di questo cambiamento, di questo trasferimento in un altro Paese e in un altro club. Mi sento come un bambino che ha un nuovo giocattolo. Il Bayern e la città di Monaco significano molto per me, le mie due figlie sono nate lì e abbiamo salutato tutti. Quello che abbiamo vissuto insieme In otto anni nessuno può portarcelo via, il Bayern sarà sempre nel mio cuore".

Le scuse ai tifosi del Bayern: "So che potrei aver ferito molti tifosi. Posso capirlo e ora mi scuso per questo. Era importante e necessario per me chiarire che ero pronto per un cambiamento. Alla fine siamo tutti umani, vero? Dopo dodici anni in Germania era chiaro che volevo un cambiamento. Volevo chiarirlo, perché ovviamente non è stato facile per il Bayern accettare una cessione in questa fase. era una situazione difficile per tutti i soggetti coinvolti e dovevamo trovare la soluzione migliore".

I rumors sul Real e l'approdo al Barça: "Quando questa volta il Barça ha bussato alla porta, era l'unica opzione per me. C'erano altre offerte, ma non mi interessavano. Il Pallone d'Oro? Prima viene la squadra. Premi del genere sono belli ma non è per questo che sono venuto in Spagna".