Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Attacco a Ibrahimovic e critiche a Inzaghi. Calhanoglu e l'intervista in Turchia, poi smentita

Attacco a Ibrahimovic e critiche a Inzaghi. Calhanoglu e l'intervista in Turchia, poi smentitaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 23 giugno 2022, 00:42I fatti del giorno
di Lorenzo Di Benedetto

Lunghissima intervista in patria per Hakan Calhanoglu, centrocampista dell'Inter, che ha parlato a Tivibu Sport della prima stagione in nerazzurro e anche dei suoi rapporti con il Milan e in particolar modo con Ibrahimovic: "Questa è stata una stagione molto intensa, abbiamo giocato moltissimo sia col club che in Nazionale".

Come ha vissuto il passaggio dal Milan all'Inter?
"È stato molto difficile. Adattarsi alla nuova squadra non è stato facile ma ho lavorato sodo. Ero consapevole che sarei arrivato nel club campione d'Italia, era una grande occasione per me. Poi purtroppo non abbiamo rivinto e lo ha vinto invece la mia ex squadra. Qualcuno ha anche insinuato che fosse colpa mia. Il nostro obiettivo in vista del prossimo campionato è quello di vincere, stanno anche arrivando ottimi giocatori. Penso di aver contribuito positivamente al rendimento della squadra. Sono molto felice all'Inter e la squadra sta bene. Al Milan nessuno gridava il mio nome come invece fanno qui, lo fanno anche solo mentre mi sto scaldando per entrare. L'Inter è molto più forte del Milan, abbiam perso perché improvvisamente al 75' io e Perisic siamo stati sostituiti. Eravamo avanti e abbiamo perso. L'allenatore ha delle responsabilità in quella partita. In Coppa invece li abbiamo battuti per 3-0".

Ibrahimovic la scorsa estate le ha mandato un messaggio, vuole rispondere ora?
"È un uomo di 40 anni, io non farei niente di tutto ciò alla sua età, non è un 18enne. Gli piace essere sempre al centro dell'attenzione. Non ha dato il suo contributo per lo scudetto del Milan, non ha quasi mai giocato. Fa di tutto per attirare l'attenzione dei tifosi. Non mi interessa ciò che dice, è una persona che mi ha chiamato spesso per uscire insieme da quando siamo entrambi a Milano. Lo rispettavo, per me è sempre stato così. Ha anche scritto di me nel suo libro, doveva scrivere queste cose o il suo libro sarebbe rimasto vuoto. Non gli rispondo, meglio non rispondergli".

Inzaghi ha voluto fortemente il suo acquisto?
"È una brava persona che capisce molto di calcio e che sta sempre vicino alla squadra. Mi voleva tanto e anche la sua insistenza è stata importante per compiere questa scelta".

In serata poi la precisazione di Calhanoglu: "Evidentemente alcune mie parole sono state mal interpretate da alcuni organi di stampa: non ho mai criticato nessun allenatore, figuriamoci mister Inzaghi che ritengo un grande tecnico e che mi ha voluto fortemente all’Inter e dato tanta fiducia. Se io e i miei compagni abbiamo fatto una grande stagione, e vinto due trofei, è tanto merito suo”.