Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

…con Nicolò Radaelli

…con Nicolò RadaelliTUTTO mercato WEB
Foto Mantova 1911
giovedì 11 aprile 2024, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

Un anno da ricordare. E una promozione tatuata per sempre sulla pelle per non dimenticarla mai. Nicolò Radaelli, terzino classe 2003, festeggia insieme al suo Mantova per la promozione in Serie B. “È stato un anno che non mi sarei mai aspettato. Se me l’avessero detto in ritiro non ci avrei mai creduto. Ma già si capiva dall’inizio che avremmo fatto qualcosa di importante”, dice il giovane scuola Inter a TuttoMercatoWeb.com.

Qual è stato il segreto di questo Mantova?
“Probabilmente la tranquillità che ci ha dato il mister. Ci ha sempre detto che l’errore per lui non conta. E così ci ha dato la giusta serenità”.

Che allenatore è Possanzini?
“Ha una sua identità chiara e forte e in questo campionato si è vista. La stagione parla per lui”.

L’anno prossimo si vede a Mantova? C’è una B da giocare.
“Il mio sogno è quello di rimanere a Mantova e giocarmi la Serie B. Voglio restare, sto bene. Si respira calcio, la società è competente. E davvero, non penso ad altro”.

I suoi modelli?
“Theo Hernandez e Cancelo. E mi piace molto Parisi”.

Si è tatuato il giorno della promozione e la B…
“Eravamo fuori a pranzo io Wieser, Fiori e Fedel così ho tirato fuori l’idea di tatuarci qualcosa che ci ricordasse quest’anno strepitoso. Ne parlavamo da un po’. E alla fine ci siamo tatuati la B”.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile