Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Ajax, le prime parole di Lucca: "Orgoglio poter indossare una delle maglie del mio idolo Ibra"

Ajax, le prime parole di Lucca: "Orgoglio poter indossare una delle maglie del mio idolo Ibra"
venerdì 5 agosto 2022, 12:10Calcio estero
di Dimitri Conti

Prime parole da nuovo attaccante dell'Ajax per la torre italiana Lorenzo Lucca, fresco di approdo ad Amsterdam dal Pisa e intervistato dai canali ufficiali del suo nuovo club: "Spero di ripagare la fiducia della società e dei tifosi, sono contento di essere qui. È un momento speciale per me, sono il primo italiano che veste la maglia dell'Ajax. Spero di poter portare gol e assist ma anche contributo alla squadra a livello fisico e di prestazioni per riuscire a vincere tanti trofei. Questa maglia è molto pesante, l'hanno vestita tanti campioni e miei idoli. Una sensazione unica. Il mio idolo è Zlatan Ibrahimovic, ho guardato tante videocassette quando ero bambino. Sono contento e orgoglioso di indossare una maglia che ha vestito lui. Siamo simili solo come statura, Zlatan è stato uno dei più forti d'Europa e io sono qui solo per lavorare giorno dopo giorno".

Quindi torna su altri temi, come gli interessamenti vari che si sono sommati sul suo conto: "Sapevo che c'erano squadre estere che volevano prendermi, ma non pensavo che l'Ajax potesse venire a prendermi in Italia da una categoria più bassa come la Serie B. Fino a poco tempo fa vedevo il club in TV, guardavo Tadic, Antony, l'ex romanista Stekelenburg e Blind. Mi fa piacere poter condividere lo spogliatoio con loro. Per me è nato tutto da un vecchio mister, un amico di mio padre che mi ha sempre convinto: avrei potuto giocare a calcio. Non ho mai mollato, inseguendo sempre sogni e obiettivi".