Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Il professor Castellacci ricorda Ventrone: "La sua figura ci mancherà"

Il professor Castellacci ricorda Ventrone: "La sua figura ci mancherà"
giovedì 6 ottobre 2022, 15:36Altre Notizie
di Tommaso Bonan
fonte ANSA
Medico azzurri campioni del mondo: "Ci mancherà"

(ANSA) - ROMA, 06 OTT - "Ho saputo questa mattina della scompagna di Gian Piero Ventrone: si è sentito male e se n'è andato in un attimo. Purtroppo, la leucemia fulminante non lascia scampo. Ho un bel ricordo di lui. Quando viene a mancare qualcuno si dice sempre: 'ci mancherà'. Lui, però, ci mancherà veramente, non per modo di dire". Così, all'ANSA, il professore Enrico Castellacci, capo dello staff sanitario della Nazionale azzurra di calcio campione del mondo nel 2006, ricorda Gian Piero Ventrone. "Lo chiamavano il 'marine', in Cina abbiamo trascorso tanto tempo assieme, soprattutto durante il periodo del Covid - aggiunge -. Lo conoscevo molto bene e lo apprezzavo molto, per la sua meticolosità e la grande professionalità. Portava con sé valori militari, come un innato senso dell'onore e della disciplina. Del resto, militare lo era stato veramente. A tavola si scherzava e lui ci faceva sentire sempre l'inno dei berretti verdi. Era all'avanguardia, studiava sempre: gli chiedevo 'cosa fai?', magari avevamo la mattinata libera, e lui 'devo studiare'. Però, alla fine, dava gli imput giusti. I calciatori lo sentivano, con quel piglio particolare da marine. Antonio Conte ha sempre visto in lui la figura del grande preparatore. La sua figura ci mancherà realmente. Mi sembra talmente strano che non ci sia più, con quel suo sorriso. E poi, era uno che ci teneva alla dieta e al fisico; non fumava, mi diceva spesso di controllarlo. Era un fanatico della propria salute. Ma, di fronte a una leucemia così cattiva e invasiva, c'è nulla da fare". (ANSA).