Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

…con Pasquale Marino

…con Pasquale MarinoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
venerdì 23 settembre 2022, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

“L’Udinese sta sorprendendo tutti: tante vittorie consecutive e un gioco importante all’insegna dell’intensità”. Così a Tuttomercatoweb l’ex allenatore dell’Udinese, Pasquale Marino.

Dove può arrivare l’Udinese?
“Spero che rimanga nelle prime posizioni e torni a fare le coppe europee. È una società che ha sempre lavorato bene. E negli ultimi anni ha lanciato diversi allenatori”.

Sottil se la sta giocando bene.
“L’ho allenato due anni, l’ho seguito dall’inizio. Ha fatto la gavetta al contrario di altri. È partito dal basso conquistando risultati. Ha una mentalità vincente”.

Chi poteva fare di più?
“La Fiorentina. Dopo il campionato scorso rondavo partisse un po’ meglio. Ma la squadra è forte, si rimetterà in sesto”.

Inter e Juve: Inzaghi e Allegri sono nell’occhio del ciclone.
“Oggi è facile condannare ed esprimere giudizi. Bisogna dargli il tempo di riprendersi, hanno avuto assenze pesanti. Non è facile sostituire calciatori straordinari”.

In B brillano Brescia e Reggina.
“Sono le sorprese. Li dovevano esserci per organico Cagliari, Genoa e Parma. Invece Reggina e Brescia stanno facendo cose importanti. La B è competitiva. E c’è poca pazienza, sono cambiate tante panchine”.

Il Benevento ha esonerato Caserta…
“Caserta farà carriera. Non mi aspettavo l’esonero. Se punti su un allenatore è giusto dargli più tempo per recuperare”.

E leí, mister?
“Stando fuori si soffre, è normale. Spero di trovare un progetto che mi faccia esprimere al meglio. La passione a volte fa fare scelte affrettate e sbagliate”.